Storia

La Scuola Professionale Edile di Firenze (SPEF) nasce nel 1962 per volontà congiunta dell’Associazione Industriali di Firenze e delle Organizzazioni Sindacali dei lavoratori aderenti a Fillea Cgil, Filca Cisl, Feneal Uil con lo scopo di qualificare il personale addetto all’edilizia. In principio i destinatari dei corsi erano esclusivamente i muratori.

Nel tempo gli orizzonti si sono ampliati. I corsi si sono aperti agli stranieri (1990), poi indirizzati su altre specializzazioni del comparto edile e affini: corsi per geometri, per architetti, corsi di management, corsi per scalpellini, lastricatori, stuccatori, restauro ecc.

Oggi, ricostruire con i numeri quarant’anni di attività della SPEF non è facile, proprio perché i corsi si sono via via trasformati; negli anni, inoltre, ne sono nati continuamente di nuovi.

Dal 1963, svariate migliaia di operai hanno frequentato i corsi serali e centinaia di giovani sono stati immessi nel settore grazie ai corsi biennali a tempo pieno. Gli adulti disoccupati hanno frequentato i corsi brevi di qualificazione oppure corsi annuali per muratori, carpentieri, scalpellini/lastricatori, manutenzione del territorio.

Altri corsi sono nati successivamente: macchine movimento terra, assistenti e direttori di cantiere , project manager, saldatori specializzati, addetti alla manutenzione giardini storici, posa e manutenzione del cotto, restauro delle strutture in legno e degli edifici storici.

Se questo è un sommario riassunto dell’azione formativa svolta dalla SPEF, altro è il bilancio delle opere realizzate nell’ambito del cantiere scuola, elemento peculiare della SPEF, in cui si fondono lo scopo didattico e le basi dell’educazione al lavoro di squadra. Tra le più significative vi sono il recupero di molte parti della Villa Medicea di Pratolino (Paggeria, Locanda, giardino, ecc.), il Casone di Sorgane, casa Cellini a Vicchio, piazza Skenderija a Sarajevo. Molte altre opere sono in corso, avviate, come le precedenti, in virtù di convenzioni attivate con gli enti locali proprietari delle strutture monumentali.

Iscriviti
alla nostra
newsletter